Cure e rimedi per le macchie sulla pelle: micosi, funghi, solari

Macchie della pelle in gravidanza

Il momento della gravidanza per una donna è estremamente delicato e comporta una serie di cambiamenti radicali ad ogni parte del proprio corpo. Anche la pelle viene coinvolta in questo stravolgimento totale e riporta una serie di cambiamenti nella sua pigmentazione. Nascono così le macchie della pelle in gravidanza.

Un primo cambiamento lo notiamo già dal primo trimestre di gravidanza. L’aumento del volume del sangue in circolazione stimola i vasi sanguigni appena sotto la superficie della pelle e dona il caratteristico  rossore alle guance. Per questo molte volte le donne incinte mostrano una pelle che risplende di una particolare lucentezza.

Durante il secondo trimestre poi succede spesso che guardandosi allo specchio si vedano comparire sul viso macchie della pelle brune  o giallastre chiamate cloasma (soprannominata appunto la maschera della gravidanza) . Queste macchie possono apparire ovunque sul viso, ma generalmente compaiono  sulla fronte, sulle  guance, sul naso o sul mento. Durante la gravidanza la produzione di ormoni estrogeni e progesterone stimolano la melanina presente nelle cellule della pelle a produrre  più pigmento, ma poichè questo pigmento extra non viene prodotto in modo uniforme, sulla pelle del viso possono comparire macchie scure.
Le donne di colore o con la pelle più scura inoltre possono anche notare il comparire di zone d’ombra,  simile ad un’ombretto, intorno ai loro occhi. Il cloasma  difficilmente può essere evitato, ma è possibile ridurre l’intensità delle macchie della pelle in gravidanza , limitando il più possibile l’esposizione alla luce ultravioletta -cioè, il sole-, che stimola ulteriormente la produzione di melanina.

Un altro effetto della gravidanza sulla pelle è che le zone  scure diventano ancora più scure. I nei  e le lentiggini che esistevano prima della gravidanza possono diventare più grandi o nascerne dei nuovi, e le cosiddette “voglie” possono diventare più scure. Inoltre l’areola del capezzolo del seno diventerà molto’più scura e, a differenza di altre aree della pelle, che pian piano torneranno al loro colore naturale , la zona del capezzolo rimarrà probabilmente sempre un po ‘più scura di quello che era prima della gravidanza.

Ti potrebbero anche interessare:

0 comments

Non ci sono commenti

Lascia un commento compilando il modulo qui sotto

Lascia un commento